(IT) Diet

I 4 GROSSI errori nella gestione del diabete di tipo 2

Se hai difficoltà nella gestione del diabete di tipo 2, non è detto che sia colpa tua.

Tenere sotto controllo i livelli di zucchero nel sangue, capire quali sono le scelte alimentari corrette, cercare di perdere peso: tutto ciò potrebbe sembrarti un lavoro a tempo pieno e, per di più, complicato.

Sai che il tuo obiettivo dovrebbe essere quello di seguire uno “stile di vita equilibrato”. Ma è molto più facile a dirsi che a farsi, giusto?

E il fatto che Internet sia pieno di informazioni contrastanti e dati scientifici travisati di certo non aiuta. In realtà, ci sono 4 grossi errori che la maggior parte delle persone commette e di cui nessuno parla.

Attenzione a questi segnali: forse anche tu li stai commettendo.

ELENCO DEI SINTOMI: 
 Sentirsi deboli o affaticati senza conoscerne il motivo
 Frequenti picchi dei livelli di zucchero nel sangue
 Difficoltà a seguire una dieta sana a causa della fame
 Intorpidimento o formicolio alle mani o ai piedi
 Vista annebbiata e “stanca”

Se alcuni di questi sintomi ti suonano familiari, forse stai inconsapevolmente ostacolando i tuoi progressi.

Ma la buona notizia è che esistono dei metodi infallibili per contrastare questi sintomi, migliorare la qualità della vita, recuperare la salute e raggiungere il peso forma.

Quindi, per favore, ritagliati un po’ di tempo e continua la lettura. Capirai esattamente dove potresti aver sbagliato finora nel tuo viaggio e come comportarti per gestire brillantemente il diabete.

#1 Errore: credere che tutti i carboidrati siano vietati

Quando hai il diabete, ti vengono dati molti consigli.

Riduci i carboidrati. Stai lontano dai dolci. Limita lo zucchero. Non mangiare questo o quello.

Cibi come pasta, pane e riso sono ovunque, il che li rende particolarmente difficili da evitare. Per non parlare poi dei tuoi snack e dolci preferiti.

Molti dei cosiddetti esperti in materia di salute dicono ai pazienti con diabete di tipo 2 di eliminare quanto più possibile i carboidrati.  Ma c’è un problema: si tratta di un approccio incredibilmente superficiale che, pertanto, non funziona.

Nella stragrande maggioranza dei casi, tali restrizioni provocano irritabilità, ridotti livelli di energia e attacchi di fame, che presto portano a “barare”. E così, si torna al punto di partenza, sempre più frustrati. Ti ricorda qualcosa?

E c’è dell’altro. Spesso le persone che eliminano totalmente i carboidrati scoprono che i loro livelli di zucchero nel sangue non sono affatto migliorati.

Questo perché … quando si parla di diabete, ciò che conta è il contenuto TOTALE di carboidrati dei pasti.

Quindi, invece di eliminare tutti i carboidrati, dovresti includerli in di una dieta equilibrata. Ciò ti consentirà di gustare i cibi che ti piacciono, mantenendo sotto controllo i livelli di zucchero nel sangue.

Consiglio #1: se desideri ottenere una perdita di peso duratura ed evitare picchi, devi bilanciare carboidrati, grassi e proteine in base a età, peso, forma fisica ed esigenze individuali legate al diabete. Il modo migliore per assicurarti che il tuo corpo riceva tutto ciò di cui ha bisogno per godere di ottima salute è seguire un programma alimentare personalizzato. In questo modo potrai goderti i cibi che ti piacciono senza provare una sensazione di rinuncia o dover contare calorie e macronutrienti a ogni pasto.

#2 Errore: seguire modelli alimentari standard

Se hai il diabete di tipo 2, probabilmente ti è stato detto che dovresti fare piccoli pasti durante la giornata. Questo consiglio mira a cercare di mantenere stabili i livelli di zucchero nel sangue. Ma qual è stato il risultato su di te?

La maggior parte delle persone riferisce attacchi di fame inauditi. E gli attacchi di fame provocano un aumento dell’appetito. Pertanto, non stai fronteggiando solo il diabete di tipo 2, ma anche sintomi psicologici.

Il problema è che, in circolazione, ci sono numerosi programmi per il diabete di tipo 2 concepiti in maniera inadeguata. E può essere molto difficile capire cosa funziona e cosa no, il che rende impossibile attenersi a una dieta.

Attraverso qualche veloce ricerca su Google, troverai molti piani alimentari generici per diabetici che, il più delle volte, si contraddicono a vicenda. Non è una sorpresa, quindi, che così tante persone incontrino ancora difficoltà nella gestione del diabete.

Siamo tutti diversi e ci sono molti fattori individuali da considerare: il fabbisogno calorico raccomandato, la composizione dei micronutrienti, le esigenze nutrizionali, le quantità di zucchero e colesterolo da assumere. Purtroppo, le diete generiche non tengono conto di questi aspetti.

Semplicemente non esiste un approccio universale in termini di gestione del diabete. Anche l’Associazione americana per il diabete (ADA) sottolinea l’importanza di trattamenti personalizzati per il diabete di tipo 2 che sono efficaci in base alle specifiche esigenze.

Consiglio #2: se avverti frequenti attacchi di fame, aumento dell’appetito e picchi di zucchero nel sangue, è probabile che il tuo piano alimentare non sia adatto al tuo organismo. Spesso la soluzione più rapida è provare una dieta personalizzata e su misura che soddisfi tutte le esigenze specifiche del tuo corpo.

#3 Errore: evitare i grassi

Tutti abbiamo un po’ di “grasso” che vogliamo perdere ma, quando si parla di cibo, “grassi” non significa necessariamente “cattivi”.

Durante tutta la nostra vita ci è stato detto di mangiarne pochi o di evitarli totalmente. Però si tratta di una menzogna controproducente.

In realtà, l’incremento del diabete, delle malattie cardiache e dell’obesità è direttamente correlato alle diete ipolipidiche, promosse erroneamente da numerosi anni sia dal settore sanitario sia dal governo.

Contrariamente a ciò che potresti pensare, i grassi sono assolutamente essenziali per la nostra salute. Contribuiscono a ridurre la pressione sanguigna, a mantenere il cuore in salute, a controllare i livelli di zucchero nel sangue, a migliorare la funzionalità cerebrale, il benessere della pelle e molto altro ancora.

Il segreto è sapere quali grassi mangiare.

I “grassi buoni”, quelli che si trovano in cibi sani come avocado, uova, noci e pesce, possono effettivamente svolgere un ruolo estremamente positivo nella gestione dell’impatto del diabete di tipo 2.

Secondo l’esperto di salute e benessere Dr. Kameron H. Wyatt: “Dobbiamo capire che i grassi alimentari stimolano l’insulina meno di tutti gli altri macronutrienti. Sostituire i carboidrati raffinati con i grassi naturali è un metodo semplice ed efficace per ridurre l’insulina.”

Consiglio #3: chiedi al tuo nutrizionista di aiutarti a introdurre più grassi sani nella tua dieta, in modo che il tuo corpo abbia tutto ciò di cui ha bisogno per mantenersi in ottima salute. Se in questo momento non hai un nutrizionista, ecco un’ottima alternativa casalinga: Klinio è un’app che svolgerà per te tutto questo duro lavoro.

#4 Errore: pensare che esercizio fisico significhi faticosi allenamenti

L’esercizio fisico è un ottimo modo per mantenere il tuo corpo in forma e sano. Contribuisce anche a mantenere nella norma la pressione sanguigna, i livelli di colesterolo e di zucchero nel sangue; migliora inoltre la sensibilità all’insulina.

Prima che tu lo chieda: no, includere l’esercizio fisico nella tua routine quotidiana non significa che devi allenarti duramente e sudare ogni giorno per migliorare la tua salute, e nemmeno che devi dedicargli un sacco di tempo e stravolgere la tua vita.

In realtà, è molto più facile di quanto tu abbia mai immaginato.

Tutto ciò di cui hai bisogno è una piacevole passeggiata quotidiana per il quartiere. Comincia con calma: non ti devi affaticare più del necessario! Procedere per piccoli passi: questo ti permetterà di essere più costante e anche di perdere più kg sul lungo periodo.

Se riuscirai a camminare per 30 minuti dalle 5 alle 6 volte alla settimana, farai faville! Fallo, e la tua salute migliorerà notevolmente, te lo promettiamo.

Consiglio #4: l’esercizio fisico è decisamente una buona abitudine per la gestione del diabete di tipo 2, ma devi comunque stare attento. Anche l’esercizio fisico leggero può provocare una riduzione o un aumento dei livelli di zucchero nel sangue, con un effetto diverso su ciascuno. Il modo migliore per ottenere risultati è incorporarlo gradualmente all’interno di un programma completo di gestione del diabete.

La soluzione per gestire (o prevenire) efficacemente il diabete di tipo 2

There’s no doubt that diabetes is a complex condition, and it can feel overwhelming to do everything alone.

But it doesn’t have to be.

Thankfully, science and technology have progressed a lot over the past few years, giving us amazing tools like Klinio. It’s a one-stop diabetes management solution built by leading diabetes and nutrition experts in the country.

What makes it so effective? Here’s the honest review of nearly 150,000 active users:

  È un piano alimentare totalmente personalizzato che fa tutto il lavoro al posto tuo

Non dovrai più preoccuparti di cosa o quanto mangiare per mantenere stabile la glicemia e perdere peso in modo costante. Le liste della spesa settimanali e le oltre 10.000 ricette sono messe a punto da nutrizionisti qualificati e modificate secondo le tue preferenze. Non ci sono ingredienti costosi e puoi facilmente scambiarli per variare le ricette secondo i tuoi gusti. Inoltre, il piano alimentare si adegua a te nel corso del tempo.

✅  È una dieta a cui puoi attenerti facilmente e seguire in modo costante

Basta con le improbabili diete a effetto yo-yo. Non dovrai più avere l’ossessione delle calorie e dei macronutrienti. Oppure vuoi sapere se tutto procede per il meglio? Klinio lo fa per te! È come avere un coach personale per il diabete in tasca: ti aiuta a restare concentrato, consapevole, a perdere peso e a mantenere i tuoi valori nella norma senza che tu ci debba prestare troppa attenzione. E c’è un supporto da parte di un nutrizionista 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

✅  È una soluzione semplice per gestire carboidrati, zuccheri e il desiderio di cibo

Klinio non implica una dieta restrittiva. Propone pasti sani dal gusto davvero delizioso che ti mantengono sazio durante la giornata, in modo da non farti provare una sensazione di rinuncia o farti ricorrere alla tua forza di volontà. Il piano alimentare bilancia proteine, grassi e carboidrati in base alle esigenze del tuo corpo, quindi non devi più combattere il desiderio di cibo. Goditi i tuoi pasti, gli snack e persino i dolci senza pensarci due volte.

✅  Effettua un monitoraggio automatico dei tuoi progressi e registra per te i parametri chiave Offre un’assistenza a 360 gradi per il monitoraggio di carboidrati, zucchero, colesterolo, emoglobina glicata, farmaci per il diabete e altri parametri fondamentali. Puoi visualizzare i tuoi valori medi giornalieri, settimanali e mensili con un unico strumento, che si rivela molto pratico anche quando vai dal medico. Puoi inoltre controllare facilmente i tuoi progressi nella perdita di peso e nell’esercizio fisico (senza contare l’accesso a un ricco archivio di esercizi per principianti, che non richiedono attrezzi).

Fai un quiz di 60 secondi e scopri quanto la tua salute può migliorare con il tuo piano personalizzato per la gestione del diabete

Dicono di Klinio…

Fonti/Citazioni

1. https://www.acefitness.org/fitness-certifications/resource-center/exam-preparation-blog/3083/considerations-for-working-with-clients-with-diabetes 

0367738

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

.
0 %